Vari tipi di Lanterne in pietra Giapponesi

Le Ishidōrō (石灯籠) in giapponese, sono senza dubbio la parte più caratteristica del giardino tradizionale giapponese. Il fenomeno ha avuto origine dalla Cina più di mille anni fa, da lì si è diffuso in Corea e alla fine è stato integrato anche nella cultura giapponese. Tutti i luoghi sacri giapponesi, come i templi buddisti e i santuari shintoisti, usano lanterne di pietra come fonti di luce sacre. Durante il XVI secolo, le lanterne di pietra divennero molto popolari tra i maestri del tè giapponesi e venivano utilizzate per illuminare il percorso attraverso il giardino del tè che conduceva alla casa del tè. Da allora, una o più lanterne di pietra sono presenti in quasi tutti i giardini tradizionali giapponesi.

Hachiman Gata Ishidōrō (八幡型石灯籠)



Una lanterna di pietra giapponese è composta da più parti indipendenti che devono essere accuratamente impilate una sopra l’altra per creare una struttura perfettamente bilanciata. Le diverse parti dall’alto verso il basso sono :
• Hōju/Hōshu (宝珠) – Il gioiello in cima alla lanterna
• Ukebana (請花) – Le fondamenta del gioiello
• Kasa (笠) – L’ombrello che protegge il focolare dalle intemperie
• Hibukuro (火袋) – Il focolare
• Chūdai (中台) – La piattaforma del focolare
• Sao (竿) – la colonna di supporto
• Kiso (基礎) – La fondazione
• Kidan (基壇) – La piattaforma di base

L’Hachiman Gata Ishidōrō (八幡型石灯籠) prende il nome dal dio Hachiman, che è considerato il divino protettore del Giappone e del popolo giapponese. La lanterna di pietra può essere facilmente riconosciuta per il suo caratteristico Kasa e l’aspetto generale semplice.

Kasuga Gata Ishidōrō (春日型石灯籠)

Altro tipo di lanterna di pietra è la Kasuga Gata Ishidōrō (春日型石灯籠) è altrettanto famosa della precedente. Questo tipo di lanterna proviene dal Grande Santuario Kasuga (春日大社) nel parco di Nara, noto per i suoi cervi erranti. Sull’esagono Hibukuro della lanterna Kasuga sono presenti diverse incisioni, tra cui quella di un cervo come riferimento all’origine della lanterna.

Ma esistono altri tipi di lanterne tradizionali come ad esempio le Okigata tōrō (置燈籠 letteralmente: piccola lanterna) è un tōrō (lanterna giapponese) mobile, “seduto” o privo di colonna con un’ampia varietà di forme.

Okigata tōrō (置燈籠)

Oki-dōrō è una lanterna di pietra (ishidōrō), costituita da un tetto (kasa) e una camera del fuoco (hibukuro), e talvolta con una piattaforma centrale (chūdai), ma mancano un piedistallo (kiso) e una colonna (sao). Poggiano direttamente a terra e non sono fissati in alcun modo. Queste lanterne di pietra “sedute” hanno una forte somiglianza con le lanterne di metallo sospese, Tsurigata tōrō, che sono state abbattute. Sembrano essere stati lasciati riposare a terra.

Oki-dōrō

Oki-dōrō viene utilizzata per illuminare gli ingressi delle case, i percorsi e le aree vicino a edifici, sponde di fiumi o lungomare. Queste lanterne possono essere viste chiaramente dalle rocce o da una barca e le barche le usano per l’illuminazione.

La lanterna del mantello (misaki tōrō) e le lanterne a globo (temari-dōrō) sono esempi di questo tipo di okigata tōrō. Sankō-dōrō è un esempio di oki-dōrō a forma di scatola.

Altri tipi di oki-dōrō includono: Akari oki-dōrō, Hakkaku oki-dōrō, Kaori-ji oki-dōrō, Kusaya oki-dōrō, Misaki oki-dōrō, Rokkaku oki-dōrō, Sunshoan oki-dōrō

Misaki tōrō

Misaki tōrō (岬燈籠) è chiamata lanterna del capo per via della sua applicazione sul lungomare.

Misaki tōrō è una lanterna di pietra, solitamente senza gambe (oki-dōrō) in cima a una roccia o un poggio (come un promontorio o un promontorio) sul bordo di uno stagno. Originariamente veniva utilizzato di notte per illuminare le imbarcazioni da diporto.

Misaki tōrō (岬燈籠)

Temari- dōrō

Temari-dōrō (手鞠燈籠) o lanterna sferica è un tipo di lanterna senza gambe (oki-dōrō), costituita solo da parti dalla piattaforma (chūdai) verso l’alto. Il nome deriva dalla somiglianza del focolare (hibukuro) con una tradizionale palla di filo a spirale (temari). Temari-dōrō era popolare nel periodo Edo.

Temari-dōrō (手鞠燈籠)

Sanko- dōrō

Sankō-dōrō (三光灯籠), ‘lanterna a tre luci’, è un insolito stile di lanterna che può essere trovato lungo lo stagno di Katsura Rikyū a Kyoto.

Sankō-dōrō (三光灯籠)

Sankō-dōrō è una piccola lanterna mobile a forma di scatola rettangolare con un tetto basso. L’interno sembra essere stato scavato ed è coperto da un tetto (kasa). Un sole e una luna sono scolpiti sui due lati lunghi (nakaku) della camera del fuoco (hibukuro), e su uno dei lati più corti è una finestra a forma di stella (ensō) per accendere la fiamma. Il tetto (kasa), che funge da ombrellone o tetto ed è smussato. Il sole, la mezzaluna e la stella sono chiamati le “tre luci”.

Solitamente posizionata vicino all’acqua, questa lanterna è progettata per illuminare il percorso di un pedone dopo aver attraversato lo stagno ed essere scesi dalla barca.

I commenti sono chiusi.