Le Divinità dello Shintoismo – Amatsu-Mikaboshi (天津甕星)

Amatsu-Mikaboshi (Aliases; Ama-no-kagaseo, Alexander Aaron, Chaos ...

Amatsu-Mikaboshi nella versione “Comics”

Amatsu-Mikaboshi è spesso descritto come il “Dio del male” giapponese, il che non  implica necessariamente l’essere accostato ad una figura diabolica dal punto di vista cattolico.

Nello Shintoismo non esistono figura come “Satana”  o “Lucifero”e Amatsu-Mikaboshi non è né un “Dio” né può essere definito con il termine “male”, è semplicemente una forza primordiale che esisteva prima della formazione di questo mondo.

Amatsu-Mikaboshi è una presenza indistinta e cercare di dargli una definizione tale da inquadrarlo è quasi impossibile.

Ad un certo punto, potrebbe essere stata l’unica forza al mondo: Amatsu-Mikaboshi potrebbe essere il grande vuoto primordiale. Ha governato l’universo quando  non esisteva nient’altro.

In qualche modo durante la creazione dell’universo conosciuto, il suo potere cessò ma non completamente e rimase la sua aura o residuo.

Un’altra versione mitologica suggerisce che Amatsu-Mikaboshi fu uno dei bambini imperfetti scartati da Izanami e Izanagi. Ad ogni modo, Amatsu-Mikaboshi è nel mondo ma non nel mondo manifesto. Non ha ruoli o funzioni chiare e ufficiali da svolgere. Non ha nemmeno una forma fisica con cui manifestarsi. È una presenza amara, freddamente arrabbiata. Non ha santuari e non ha molta rilevanza per la persona media (anche se il suo nome appare in molti fumetti e giochi di ruolo, dove di solito viene scelto come cattivo). È una presenza esoterica, astratta nell’universo piuttosto che uno spirito con il quale si può comunicare direttamente. Potrebbe essere lo spirito dei cieli più distanti: il vuoto celeste o l’abisso.

Lo shintoismo è un sistema spirituale che valorizza l’armonia. L’Amatsu-Mikaboshi è associato alle energie e alle emozioni persistenti, in particolare agli eccessi che distruggono l’armonia o creano uno squilibrio nel mondo (come, in sostanza, lo fa). Non necessariamente condivide o incita queste emozioni: invece le emozioni intense e incontrollate sono percepite come condivisione della sua essenza.

Queste emozioni sono attratte magneticamente da Amatsu-Mikaboshi, come lui lo è da loro, perché sono fatti delle stesse energie e potenzialmente hanno lo stesso effetto: disarmonia distruttiva.

Quindi l’eccessiva rabbia, l’invidia, persino l’amore squilibrato che potenzialmente porta a ossessioni malsane, viene percepito come appartenente all’Amatsu-Mikaboshi ed esprime la sua essenza.

Nella successiva prospettiva buddista, questa emozione in eccesso è stata percepita come “peccato”; quindi Amatsu-Mikaboshi si è guadagnato la reputazione di Maestro dei peccatori.

Potrebbe o meno essere associato a Yomi, (Yomi 黄泉 o Yomi no kuni 黄泉の国 ) un regno della morte shintoista.

The Land of Yomi': Green Willow and other Japanese fairy tales by ...

Yomi 黄泉 il Regno della morte 

Una teoria suggerisce che Amatsu-Mikaboshi, come singolo potere onnicomprensivo, venne spezzato e disperso dall’introduzione delle forze yin e yang nell’universo (in giapponese: In e Yo).

Gli Onmyoji (praticanti di una tradizione magica giapponese) come Maestri che comprendono le mutazioni di Yin-Yang e hanno cercato di sfruttare il potere di Amatsu-Mikaboshi, dandogli possibilmente una forma corporale.

In questa forma, potrebbe essere noto come Ama-no-Kagaseo, il maschio brillante.

I commenti sono chiusi.